image_pdfimage_print

Dell'Osso Domenico finalista premio combat prize 2010 micol diveroli

In foto: Micol Diveroli.

…Inizialmente utilizzava la pittura prevalentemente per conoscersi, basandosi su teorie filosofiche incentrate sull’inconscio, dunque sempre più portato a non dover conoscere le sue idee per dipingere ma a dipingere per conoscere le sue idee, questo lo spirito con il quale ha condotto le sue ricerche iniziali, questo modo di fare è stato fondamentale per passare gradualmente con padronanza da una fase introspettiva personale a una fase introspettiva incentrata più sul collettivo e l’attualità, per questo ha associato anche una ricerca tecnica verso la realizzazione di opere con le quali è possibile interagire. Dal 2008 (per rendere sempre più protagonista l’osservatore) parte dei suoi dipinti (le stanze) sono leggibili anche come dei progetti raffigurativi di installazione e performance (che ha realizzato e integrato nelle personali degli ultimi anni alternandole alla pittura).
L’artista pensa a questa cosa come un evoluzione del suo percorso, un completamento, un tentativo di tradurre la sua estetica anche all’interno di altre forme espressive pur continuando comunque sempre il suo percorso di ricerca nell’ambito della tecnica pittorica. Presenta le sue creazioni in una originalità tutta propria, partecipando attivamente ed operando in numerose rassegne d’arte sia in campo nazionale che in campo internazionale e riscuotendo sempre vivo interesse di pubblico e di stampa.

Articolo: Premio Combat Prize – Dell’Osso finalista al Premio Combat Prize 2010 ed espone ai Bottini dell’olio – Livorno

 

 

 

Categoria: Artisti contemporanei italiani – pop surrealismo.
Domenico Dell’Osso

Artista italiano, definito dalla critica, capostipite del pop surrealismo italiano, movimento artistico internazionale, conosciuto anche come Lowbrow art, o con il nome di pop surrealism o popsurrealism, corrente che affonda le sue origini nel surrealismo.

Domenico Dell’Osso è celebre anche per essere stato selezionato per le finali dei più importanti premi nazionali come: Premio Arte Laguna, Premio Ceres, Premio Terna, Premio Open- Venezia, Premio Dalla Zorza, Premio Combat Prize… e inoltre per aver vinto il Premio Arte Mondadori, il Premio Celeste, il Premio Pio Alferano, il Premio Zuanazzi…

E’ uno degli artisti italiani più apprezzati nel mondo dello spettacolo, del cinema e della musica.

Oltre all’ABI (Associazione Bancaria Itaiana), molte le aziende con cui ha collaborato, tra cui: Universal Music, Ceres, Mondadori, Costa Crociere, Terna, Frankie Garage…

Fra i suoi acquirenti, collezionisti ed estimatori, anche personaggi illustri: Sharon Stone, Luciano Benetton, Urbano Cairo, Michele Santoro, Vittorio Sgarbi, Giampiero Mughini, Gianmarco Tognazzi, Philippe Daverio, Caparezza, Rocco Siffredi, Antonello Venditti, Rocco Papaleo, Carlo Freccero, Pino Donaggio, Tony Renis, Carlo Marrale, Nicola Porro, Maurizio Solieri, Paolo Migone, Leonardo Manera, Edoardo Winspeare, Pio e Amedeo, Antonio Stornaiolo…

Ad oggi, tra collettive e personali, ha effettuato più di 40 mostre su tutto il territorio nazionale. Oltre che in gallerie private, le sue opere, sono state esposte anche presso l’Arsenale di Venezia, il Museo Mambo- Bologna, Museo Madre- Napoli, Centro Pecci- Prato, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo- Torino, Palazzo della Permanente- Milano, Spazio Oberdan- Milano, Teatro dal Verme- Milano, Museo Fondazione Luciana Matalon- Milano, Palazzo dei Congressi- Roma, Fondazione Cini- Venezia, Centro congressi Roma eventi, ex Convento dei Teatini- Lecce, Arte Fiera- Bologna, Arte Padova, Art Verona, Miart, Artissima…

Aggiornato a ottobre 2016

Articolo: Dell’Osso finalista al Premio Combat Prize 2010 ed espone ai Bottini dell’olio – Livorno